Revolutionine

ti complicherà la vita

Kong’s Revenge! Gli Inventionis Mater preparano il secondo album

Dopo il successo di “Does Humor Belong In Classical Music?”, il loro primo album (qui per ripassare e ri-ascoltare), gli amici fiorentini Inventionis Mater sono pronti a incidere il loro tanto atteso secondo album acustico:

(King) Kong’s Revenge!

Kong's Revenge, Inventionis Mater

Sul loro lavoro di arrangiamento e “traduzione” di Frank Zappa se ne è già parlato da queste parti in toni entusiastici pertanto non resta che invitarvi a contribuire alla “causa zappatista” prenotando sin da ora la vostra copia (digitale o fisica che sia) di Kong’s Revenge.

Se siete fan come chi scrive non vi lascerete sfuggire la magliettina e fantasticherete sulla possibilità di invitarli a suonare nella vostra città.

Su su, coraggio, che la raccolta è appena iniziata!

Arf Arf! 

I video delle Surprise Eggs e il complotto dei Minion

Avere piccoli in giro per casa vuol dire anche scoprire (proprio malgrado) nuovi trend come quello delle Suprise Eggs che, nel migliore dei casi, desteranno stupore solo-esclusivamente ad altri ignari genitori.

Grazie alle analogie suggerite sul tablet da YouTube a nostra figlia – che lo usa prevalentemente per vedere pezzi di cartoni animati e video musicali – mesi fa siamo entrati nel mondo delle Surprise Eggs (Kinder ma non solo).

Pensavamo fosse una passione di un weekend, invece, si è trasformata una vera e propria dipendenza che ogni tanto curiamo con metodi drastici che vanno dalla cancellazione della cronologia di YouTube (paura, eh?) allo spegnimento forzato del tablet (molto più efficace).

Surprise Eggs

(Cfr. “Giant Princess Egg Kinder Surprise Disney Frozen 3D Olaf Elsa Anna Giant Minnie Mickey Play Doh Eggs”, clip da 54.690.781 visite che trovate qui)

Cosa sono i video delle Surprise eggs

Sono clip da centinaia di migliaia (se non milioni) di visite che riprendono, in soggettiva, mani che scartano ovetti Kinder e, con cura, ne estraggono le sorprese.

I più spinti mostrano anche come montarle, i più sintetici fanno vedere solo il prodotto finito.

In alcuni è presente il commento in off di chi scarta la propria collezione, in altri (la maggior parte) sono presenti musiche ipnotiche che ricordano vagamente vecchi arcade games.

In altri ancora, il religioso silenzio viene infranto solo dall’assordante rumore dell’involucro di carta tolto dagli ovetti.

I più visti a casa nostra sono quelli con protagoniste ragazze (o meglio: le mani in primo piano delle) che scartano e commentano sorprese inerenti il mondo Disney-Pixar.

Breve nota sulle mani-delle-ragazze

hanno ovviamente dalla loro l’utilizzo di smalti, anelli e bracciali che diventano, per le giovani spettatrici, un’attrazione nell’attrazione.

Per quanto riguarda i generi ne esistono diversi e vanno:

  • dai “monografici” dedicati a particolari collezioni (le principesse Disney ad esempio) o famiglie (quelli delle Winks o quelli di Cars)
  • a quelli generici multimarca attraverso i quali si può ammirare l’incredibile varietà di forme possibili a partire dallo stesso oggetto: il solito ovetto di cioccolato.

“Surprise eggs” nei trend di ricerca

Se provate a dare un’occhiata ai trends di Google, inoltre, scoprirete:

  • quanto le ricerche correlate a tale argomento abbiamo subito un’impennata verticale a partire dal 2013 (anche in Italia),
  • che, oltre casa nostra, il luogo dove si cerca di più “Surprise Eggs” è (attenzione attenzione): il Vietnam…
  • …seguito (ma a debita distanza) da Stati Uniti e Australia,
  • che la Kinder la fa da padrona ma che le “sorprese Disney” sono in rimonta,
  • che, sempre a proposito della Kinder, le nazioni che cercano di più su Google le sorprese Kinder sono il Kazakistan e l’Armenia, seguite da Azerbaigian e Bosnia Erzegovina,
  • che (continuo perché vi devo interessati) la città che più di tutte al mondo cerca su Google “Kinder Surprise” è Tel Aviv (che però è in Israele) seguita da Mosca, dalla Microregione di San Paolo, da Kiev, Zagabria e (finalmente un’italiana) Napoli. Giusto per avere un parametro: Tel Aviv = 100, Mosca = 91, Napoli = 76.

Surprise eggs e Minion

Ora, a questo punto, vi starete chiedendo: «Si va be’, ma i Minion cosa c’entrano?»

C’entrano perché, come mi svelò tempo fa un amico, l’affinità tra l’interesse dei piccoli verso i “video con i Minion” e i “video con gli ovetti” non si poteva certo definire “casuale”, convincendomi all’istante che, a ben vedere, i due fenomeni potevano essere ricondotti allo stesso oggetto giallo ovale:

«Ovvio, perché i Minion non sono altro che gli ovetti Kinder animati!»

Di seguito troverete un video rappresentativo con 20 sorprese generiche e multimarca con assordanti rumori in presa diretta e musichetta-arcade. Attualmetne fa 104.118.868 visualizzazioni (la metà sono partite dal nostro divano):


Nonché la chiara prova che «…i Minion non sono altro che gli ovetti Kinder animati!»:

Buona visione e benvenuti nel trend dei video delle Surprise Eggs.

Se particolarmente interessati suggerisco anche la lettura di questo post dove una madre racconta la propria esperienza con gli ovetti Kinder in Michigan (sono vietati) e con i video delle surprise eggs.

Ti sono vicino, amica.

 

Ex tenebris vita, ovvero: Velluto Rosso, il nuovo eBook della Macchina dei Sogni

…noterete che diversi testi presentano un elemento ricorrente, ossia l’incisione in latino che compare sopra lo schermo della Sala Uno: “Ex tenebris vita”, dalle tenebre la vita. Si tratta di un’iscrizione altamente evocativa…

(dall’introduzione di Velluto Rosso a cura di Matteo B. Bianchi)

 

È appena uscito l’ultimo libro della Macchina dei Sogni, diretta dalla script editor Chicca Profumo.

Si chiama Velluto Rosso (Red Velvet) ed è una raccolta di 8 bei racconti ambientati tra le poltrone dello storico Cinema Odeon di Milano.

Come tutte le produzioni della Macchina, anche Velluto Rosso è in formato eBook nonché liberamente scaricabile dal sito.

L’introduzione a Velluto Rosso è firmata da Matteo B. Bianchi, mentre la copertina è di Sergio Gazzo.

Cliccando sull’immagine qui sotto si aprirà subito il Pdf, ma se volete invece un ePub o un Mobi tornate sul sito della Macchina.

Buona lettura.

Velluto Rosso ebook Macchina dei sogni

 

Ah, se interessa approfondire qui trovate la pagina facebook ufficiale del libro con gli autori e le autrici dei racconti.

Fratelli Minori a Sonnino per “Le Torce”

Fra qualche giorno, domenica 1 giugno, torno a Sonnino, che è il mio paese d’origine, a introdurre con estremo piacere, insieme alla regista Carmen Giardina e all’autore della colonna sonora Pivio, il cortometraggio a cui ho partecipato come sceneggiatore: Fratelli Minori.

Fratelli Minori, un cortometraggio di Carmen Giardina, scritto da Diego Altobelli

Sono estremamente felice perché gli amici che mi hanno invitato (che poi ufficialmente sarebbe la Pro Loco di Sonnino, ma tanto il paese è piccolo e ci si conosce tutti da sempre) hanno pensato di collocare la visione del corto in chiusura della più bella e suggestiva manifestazione sonninese: Le Torce.

Dire che è una marcia di ricognizione dei confini lunga oltre 40 km che si fa di notte illuminando i bui sentieri di montagna con delle torce di cera è riduttivo poiché rappresenta la storia, le tradizioni, i culti, i miti, i riti e un’importante porzione della cultura popolare che questo paese ha prodotto nel corso dei secoli.

Epica allo stato puro, che regge il confronto con le tragedie greche a livello di partecipazione, intensità emotiva e catarsi.

Roba forte, insomma, sia per i Sonninesi, sia per i “forestieri” che ritornano.

Se la cosa vi incuriosisce è possibile dare una sbirciata alle dirette che gli amici del sito Sonnino.info metteranno su per raccontare tutta la manifestazione.

Mi sto dilungando.

Dicevamo: la proiezione di Fratelli Minori avverrà domenica nella piazza principale del paese, La Portella (ovvero: Piazza Garibaldi), all’interno di quella che fu la storica Chiesa di San Marco, oggi sede del Consiglio Comunale.

L’ingresso è gratuito e questo è il programma integrale della manifestazione.

Se qualcuno passa da quelle parti, magari posso evitare di obbligare fratelli e parenti…