Tabloid inferno, la cronaca nera come metafora di una generazione, la mia

«Sono riusciti a cambiarmi» cantava la vocina del mio vittimismo, «alla fine mi sono venduta».
«Col cavolo!» mi riportava alla realtà Emanuele, «Non c’è nessun sistema che sventola banconote per acquistare la nostra anima. Zero mercato per le illusioni perdute. Ci siamo messi in saldo da soli e anche così nessuno ci ha comprati».

Tabloid inferno è il meta-romanzo di formazione professionale della mia generazione che è transumata per Scienze della comunicazione di Roma annusando Walter Benjamin, amando prima e odiando poi (si fa per dire) la Scuola di Francoforte, ascoltato, studiando e imitando gli apocalittici e gli integrati di turno sprofondati nelle sedie di cinema che sarebbero diventati sale bingo e non immaginando minimamente di essere di lì a poco prima fatti a pezzi dai contratti di collaborazione a progetto e poi smembrati dal lavoro, dall’industria culturale (si fa per dire), dalla precarizzazione delle professioni

(“liquidità” e “non-luoghi” c’avevano già rotto nei primi anni 2000, figuriamoci a parlarne oggi, please please)

dalla conseguente e prevedibilmente ovvia precarizzazione delle vite materiali, nonché dei rapporti umani (misantropia portami via, ma lasciami skype acceso).

Una generazione che però, nonostante tutto, è riuscita a farsi coraggio e ad andare avanti, anno dopo anno, perché, come mostra Selene Pascarella, l’autrice di Tabloid Inferno con l’arco narrativo percorso dal suo alterego, una redenzione è sempre auspicabile nonché possibile.

Tabloid inferno, Selene Pascarella, Edizioni Alegre 2016

tabloid inferno

Cosa sono i soldi quando in cambio ti danno Zapping, il nuovo disco degli Inventionis Mater?

Zapping! will be an album dedicated to the large Frank’s Wonderful World mixed up with other composers who inspired him: from Stravinsky to Edgar Varese to themes often quoted by Frank.

È ben chiaro a tutti voi lettori di questo bloggetto che sono un grande ammiratore di Pierpaolo Romani (che è il clarinettista) e Andrea Pennati (che è il chitarrista) degli Inventionis Mater, un duo di giovani talentuosi musicisti fiorentini che hanno come mission la rivisitazione in chiave classica della musica di Frank Zappa.

Ho contribuito con estrema soddisfazione auricolare attraverso modeste somme – insieme a numerosi altri fan sparsi per il mondo – alla produzione dei primi due CD, che custodisco gelosamente vicino ai dischi in vinile del vecchio Frank, e ora che Pierpaolo mi scrive che il concept del terzo album è pronto, è giunto il tempo di tornare su Indiegogo per partecipare alla raccolta fondi per la sua registrazione.

Grazie a un contributo che sceglierete, – può anche essere direttamente il pre-order del CD – permetterete a questi due eccellenti musicisti italiani di essere produttivamente e, soprattutto, artisticamente Absolutely Free.

Sono convinto che tutto ciò sarebbe piaciuto e avrebbe divertito molto Frank Zappa.

InventionisMater_zapping

 

Qui trovate l’evento su Facebook mentre, cliccando sull’immagine, potrete andare direttamente su Indiegogo.

Ecco, se ancora non li conosceste, solo un piccolo assaggio (sul loro canale you tube ne trovate molti altri).

Buona ascolto e  su su, partecipate alla realizzazione di Zapping ché qui non vediamo l’ora di ascoltare i nuovi arrangiamenti!